Esame Bioimpedenziometrico

Come viene eseguito?

Un apparecchio rilevatore di correnti  connesso ad un computer, l'impedenziometro,  viene collegato a due coppie di elettrodi,  una sul dorso di una  mano, l'altra sul dorso del piede del Paziente.

Quindi vengono fatti passare  flussi minimi di corrente alternata debolissima e ad altissime frequenze (da 5 a 250 KHertz), che si propagano per tutto il corpo .

La tecnica  è  assolutamente  non  invasiva  ed  utilizza una debole corrente elettrica ben al di sotto della soglia di sensibilità.

Integrando il valore dell'impedenza con i dati antropometrici del Paziente (statura, peso, sesso, età, circonferenze varie, ecc.) ed applicando una tra diverse equazioni specifiche possibili, scelta in funzione del biotipo in esame, è possibile derivare i parametri di composizione corporea.

In parole più semplici, l’apparecchio registra le resistenze opposte dai tessuti corporei al passaggio della corrente elettrica ed elabora i dati ottenuti  con un apposito software che risale alla composizione di Acqua, Massa Magra, Massa Grassa oltre al Metabolismo Basale del soggetto ed al Peso Ideale che dovrebbe avere in funzione della sua costituzione fisica.

L’ultima generazione di Impedenziometri (di cui dispongo) dà anche  misure differenziate della quantità di Acqua Intra ed Extra cellulare, della Massa Metabolicamente Attiva e degli scambi di Sodio e Potassio cellulari.

- torna  -

FAQ