Quali sono le competenze di un nutrizionista? Che compiti può svolgere?

Perché dovrei andare dal nutrizionista?

Che differenza c’è tra allergie e intolleranze alimentari?

Quali sono le cause di sovrappeso e obesità?

Che vuol dire “corretta alimentazione”?

Che relazione c’è tra alimentazione e sport?

F.A.Q.

Quali sono le competenze di un nutrizionista? Che compiti può svolgere

L'attività del nutrizionista inizia con lo studio individuale attraverso una raccolta di informazioni riguardanti le caratteristiche fisiche (esame antropometrico), le abitudini alimentari (anamnesi alimentare) e lo stile di vita del paziente. Il nutrizionista individua l'obiettivo del trattamento e stabilisce il peso ideale. Sulla base di queste informazioni il nutrizionista crea un piano alimentare personalizzato ad hoc per ogni individuo. Per valutare la composizione corporea del paziente il biologo nutrizionista può avvalersi di esami strumentali non invasivi (plicometro o bioimpedenziometro). Tra le competenze del nutrizionista vi è anche la possibilità di redigere piani alimentari per collettività quali mense scolastiche, aziendali, ospedali, centri di ristorazione ecc.

Il biologo per fare il nutrizionista ha bisogno della presenza del medico?
Il biologo nutrizionista può svolgere la sua professione in maniera autonoma senza la presenza del medico.

Perché dovrei andare dal nutrizionista?

Alla base della nostra salute ci deve essere una sana e corretta alimentazione ma prima ancora l’educazione ad un corretto comportamento alimentare. La cattiva alimentazione causa ogni anno un numero sempre crescente di malattie quali diabete, malattie cardio-vascolari, obesità e tumori.

Che differenza c’è tra allergie e intolleranze alimentari?

L'allergia alimentare è una reazione immunitaria all’ingestione di uno specifico alimento (o di alcune sostanze contenuto in esso).
L'intolleranza alimentare è una reazione indesiderata del nostro organismo scatenata dall’ingestione di uno o più alimenti (o sostanze attive) oppure da disfunzioni/disturbi a carico dell'apparato digerente (intolleranze enzimatiche e intolleranze farmacologiche). Le intolleranze alimentari e la manifestazione sintomatologica conseguente sono sempre dose-correlate e questo aiuta nella distinzione dalle allergie vere nelle quali i sintomi sono scatenati già dall'assunzione di piccole quantità di alimento responsabile.

Quali sono le cause di sovrappeso e obesità?

L’obesità e il sovrappeso sono condizioni caratterizzate da un aumento della massa corporea dovuto ad uno squilibrio protratto nel tempo tra energia introdotta e consumata. Le cause determinanti sono molteplici: predisposizione genetica, fattori ambientali socio-economici, culturali, psicologici, comportamentali, metabolici, neuroendocrini. La causa maggiore comunque è rappresentata principalmente dall’adozione di stili di vita non salutari, in particolare le errate abitudini alimentari e la sedentarietà.

Che vuol dire “corretta alimentazione”?

Una corretta alimentazione trova la sua espressione in una adeguata e variata combinazione degli alimenti, volta a soddisfare in modo equilibrato il fabbisogno di energia (calorie), di nutrienti (proteine, carboidrati, grassi, vitamine, minerali) nonché dell’altro principio nutritivo rappresentato dall’acqua, fornendo anche sostanze utili sul piano fisiologico, come ad esempio la fibra alimentare.

Che relazione c’è tra alimentazione e sport?

L’esercizio fisico e l’attività sportiva sono fondamentali per favorire il pieno sviluppo dell’organismo e per promuovere e mantenere uno stato di salute ottimale sia a breve che a lungo termine.  La dieta ha un ruolo importante nello sport: pur non esistendo alimenti miracolosi in grado da soli di migliorare le prestazioni fisiche, si può affermare che, associata ad un allenamento adeguato, consente il massimo rendimento agonistico. Va ricordato che l’attività fisica e un’alimentazione corretta prevengono l’insorgenza dell’obesità.

FAQ